uno cinque due due

Il giorno della cosiddetta "Festa della donna" -è risaputo- si celebra per ricordare un episodio luttuoso: la morte di moltissime donne, durante un incendio che le colse, rinchiuse a forza, in grande laboratorio di New York.

Pertanto non vi è nulla da "festeggiare", ma piuttosto molto da ricordare e da riflettere. In questa linea di pensiero, non dando spazio a mimose o omaggi -talvolta ipocriti, spesso falsi-, il Circolo Daunia ha ospitato la sera del 7 Marzo u.s. le performances della Compagnia dell'associazione ScenAperta, in uno spettacolo intitolato "Uno cinque due due", il numero attivato dal Dipartimento per le Pari Opportunità, messo a disposizione delle donne fatte oggetto di vessazioni e violenze, all'interno della famiglia e nella società.

Il tema dello spettacolo sono il femminicidio e la violenza di genere sulle donne, trattati secondo la tecnica del "teatro di narrazione", che immerge didascalicamente gli spettatori nelle vicende trattate, consentendo loro una partecipazione emotiva chiara e diretta.

Si parlava di performances, in quattro momenti, con un filo conduttore comune: la violenza esercitata sulle donne.

Nel primo momento, "La sindrome di Otello", è stato messo in scena il famoso episodio dell'assassinio di Desdemona: un episodio "classico", frequentemente utilizzato più per fissare un esempio di gelosia esasperata che per mettere in risalto la violenza su una donna. D'altra parte le tragedie in genere sono ricche di violenze e sopraffazioni, e quelle di Shakespeare non sfuggono a questa tendenza: era violento Otello, così come Lady Macbeth, i consanguinei di Re Lear e i parenti di Romeo e Giulietta. Dunque un episodio utile per introdurre l'argomento, ma meno incisivo in quanto culturalmente "metabolizzato".

Nel secondo, "Scarpette rosse", vengono narrati alcuni episodi di violenza che hanno portato alla morte delle donne, ad opera dei loro mariti, compagni, fidanzati: una carrellata crudele, interpretata con passione dalle artiste succedutesi sul palco. Il titolo dato a questo secondo momento narrativo può sembrare in contrasto, con il suo colore acceso e solare, con il buio della violenza: le "scarpette rosse" sono state invece elevate a simbolo di quanto rimane delle donne che hanno subito violenza, cancellate nella loro dignità e nella loro vita.

Nel terzo, "Violate", vengono narrati alcuni episodi di violenza sessuale esercitati sulle donne, in ambito domestico, sui luoghi di lavoro, in momenti di vita quotidiana, in obbedienza a tradizioni tribali, che non farebbero mai pensare a risvolti così crudeli ed inumani.

Infine nel quarto, "Non chiamatelo amore", l'attrice Pina Sfortunio, autrice tra l'altro dei testi presentati durante lo spettacolo, introduce il pubblico a momenti di vita familiare che sfociano, quasi inevitabilmente nella violenza, quando da un lato c'è una donna e dall'altro appunto un maschio -non un uomo- violento. Il testo di quest'ultimo momento fa riflettere, oltre che per l'elencazione delle violenze, palesi e non, subite dalla donna, soprattutto perché in alcuni tratti fa capire quanto sia radicato nella società in genere, e non soltanto nei maschi, il concetto di sudditanza della donna: la figura della "suocera", nei suoi comportamenti e nel suo contrasto con la "nuora", richiama gli schemi soliti, in quanto è nella famiglia che si annida il seme della violenza, troppe volte tollerata da mogli, madri, figlie, per convenzioni sociali e per tremende abitudini.

Lo spettacolo ha avuto termine con un monologo al maschile (chi scrive ritiene che il protagonista, più che parlare di se stesso come "uomo" dovrebbe più verosimilmente definirsi "maschio", con una accezione del termine priva di quei complementi che fanno di un "maschio" un "uomo") e un coro liberatorio di donne, tutte le artiste che brillantemente hanno affrontato questa prova di sensibilizzazione. Ad esse, e al direttore Tonio Sereno, sono andati il plauso e gli applausi del pubblico.

La cornice dello spettacolo, il Salone delle Feste del Circolo Daunia, e altri locali del Circolo sono stati impreziositi dalle foto d'arte di Anna Maria Salvatore, nell'ambito di una personale intitolata "Gratia Plena": ritratti di donne, di momenti e sprazzi di donne, coinvolgenti e capaci di far riflettere sulle sfumature che l'universo femminile è in grado di evidenziare e di far vivere. Suggestive le immagini, ed evidente la personalità artistica e tecnica della fotografa.

 

Concerto Abbracciante-Arnesano

Gli appassionati di musica, o coloro che semplicemente vogliono ascoltare dei brani musicali -di qualunque genere- su Youtube trovano tutto quello che cercano; ma la ricerca è spesso condizionata da quanto si conosce già, e il più delle volte si ascoltano -e riascoltano- gli stessi brani, le stesse melodie, gli stessi concerti.

Per questo motivo giunge gradita l'occasione, fornita dal programma delle manifestazioni elaborato dal Consiglio di Amministrazione del Circolo Daunia, di ascoltare altri interpreti, musicisti e cantanti.

Paola Arnesano e Vince Abbracciante - l'una cantante, l'altro fisarmonicista- sono artisti di livello internazionale, la cui biografia e produzione possono essere facilmente recuperate su Internet; in tutta sincerità la fama che hanno acquisito tra gli appassionati, gli intenditori e gli addetti ai lavori è ampiamente meritata.

Ma veniamo al concerto che i due artisti hanno tenuto con grande successo nel salone delle feste del Circolo Daunia: un evento musicale che di rado capita di seguire in ambiti così ristretti.

I due artisti hanno eseguito pezzi musicali impostati sul ritmo del tango con grandissima personalità e -aspetto che ha molto colpito chi scrive, ma senz'altro tutti gli spettatori- con grandissima armonia tra di loro. Il suono della fisarmonica e le note del tango avrebbero potuto nascondere il virtuosismo canoro di Paola Arnesano, così come la splendida voce avrebbe potuto distrarre dalle armonie espresse da Vince Abbracciante.

Così non è stato: gli artisti, ben consapevoli della loro abilità, hanno duettato in accordo perfetto, bilanciando voce umana e suono strumentale e, soprattutto, hanno consentito che l'altro/a si esprimesse in assolo di grande qualità e originalità.

Quando si parla di tango vengono in mente melodie famose, ma purtroppo sempre le stesse; spesso non si sa che il tango è multiforme nelle sue espressioni, sia per l'ampio periodo di tempo che abbraccia compositori e interpreti, sia per gli orientamenti armonici che esso ha assunto. Chi scrive non è esperto del campo, ma con buona probabilità non sbaglierà ponendo in rilievo la base jazzistica che Vince Abbracciante e Paola Arnesano hanno scelto per presentare il loro repertorio. Gli assolo di fisarmonica e i virtualismi vocalici richiamano quella meravigliosa musica "negra", la fondono con una tradizione musicale sudamericana e confermano, una volta di più, che le note sono sette, le composizioni musicali possono essere numerosissime, ma infinite possono essere le modalità di esecuzione.

Ad artisti come Paola Arnesano e Vince Abbracciante bisogna ascrivere il merito di fare "ricerca", che non significa "snobisticamente" dedicarsi a musica "originale", "difficile", "di nicchia", che non può essere capita dal pubblico più numeroso, ma sperimentare nuovi modi di espressione, mettersi in gioco e dimostrare che la fruizione della musica è "democratica": la buona musica, così come la perfetta interpretazione, risalta e attrae.

DARIA PAOLETTA: UNA STORIA CHE NON STA NE' IN CIELO NE' IN TERRA

      L'aspettativa dei soci del Circolo Daunia per il nuovo spettacolo di Daria Paoletta era grande: gli spettatori di "Amore e Psiche", spettacolo presentato nel Febbraio 2014, erano ansiosi di rivedere l'artista foggiana, per apprezzarne nuovamente il talento; i soci e gli ospiti assenti nell'altra occasione volevano verificare di persona se le lodi riservate al primo spettacolo fossero veritiere, e non soltanto un apprezzamento di circostanza.

      I primi e i secondi hanno ricevuto un regalo di Natale in anticipo: gli uni hanno potuto apprezzare nuovamente la personalità scenica di Daria Paoletta, gli altri hanno fatto una scoperta culturale che -probabilmente- li ha messi in condizione di "invidiare" (alfierianamente) i soci presenti al primo spettacolo.

      L'estensore di queste brevi note sullo spettacolo del 6 Dicembre u.s. si trova in difficoltà nel recensirlo, e lo ha comunicato all'artista al termine dello stesso. Qual è la difficoltà? Ma di trovare altre parole per lodare -sinceramente- la prova dell'artista e la godibilità della rappresentazione.

      Già nel precedente articolo si era messo in risalto il significato del tipo di teatro condotto da Daria Paoletta, e ad esso si rimanda per evitare ripetizioni. In questo caso preme a chi scrive sottolineare un particolare che non sarà sfuggito agli attenti spettatori: nel presentare il racconto teatrale "Una storia che non sta né in cielo né in terra", tratto da La sposa sirena di Italo Calvino si dice "di e con Daria Paoletta".

      Signori miei, qui ci troviamo non solo davanti ad una brava attrice, ad una interprete sicura, misurata in tutte le fasi dello spettacolo, sia quelle più vivaci e "caotiche" che quelle più pacate e dolci, ma anche in presenza di una donna di cultura che sceglie i propri testi, li elabora, li modifica con la capacità, comunque, di rispettarne il senso e di riprodurre il pensiero dell'autore, al punto da farli sembrare quasi propri.

      Dunque un "one woman show" senza alterigia e boria, ma con il gusto di porgere agli spettatori insolite sensazioni e una gradevolissima parentesi nella prosaicità della vita di tutti i giorni.

       Per terminare, alcune immagini dello spettacolo, e la conferma dell'affetto del Consiglio di Amministrazione e dei soci del Circolo Daunia nei confronti di Daria Paoletta.

 

Concerto di Daniela Giordano

Le manifestazioni culturali organizzate dal Consiglio di Amministrazione del Circolo Daunia hanno avuto il giorno 10 Giugno u.s. una felicissima conclusione con il Concerto per Pianoforte di Daniela Giordano, giovanissima e valentissima esecutrice nostra conterranea.

Il concerto è stato organizzato in collaborazione con la Cypraea Puglia, grazie alla sensibilità e all'attenzione rivolte alla cultura della Responsabile, prof.ssa Littoria Russo Sebastiano; la stessa prof.ssa Littoria Russo Sebastiano, nel suo breve intervento, ha precisato che l'eccezionalità dell'evento musicale risulta dal suo essere una prima nazionale assoluta, e ha informato i presenti che lo stesso concerto sarà eseguito a Roma, il 12 Giugno prossimo presso il Teatro Marcello e il 25 Giugno presso l'Auditorium, e a Bergamo, il 29 Giugno, presso il Palazzo Donizetti.

Il Programma della formidabile esecuzione di Daniela Giordano ha previsto brani di notevole difficoltà, sia tecniche che interpretative, che non hanno spaventato, ma piuttosto esaltato l'artista, molto concentrata e partecipe: alle Sonate in Mi minore K198 e in Sol maggiore K125 di Scarlatti hanno fatto seguito la Sonata in Mi maggiore op. 109 di Beethoven, la Sonata in Sol minore op. 22 di Schumann e la Sonata in Fa minore op. 1 di Prokofiev.

Gli amanti di questo genere musicale conoscono perfettamente la difficoltà dei brani proposti; l'aspetto più importante della serata è stato che anche i meno "introdotti", come chi scrive, hanno percepito tali difficoltà e la bravura dell'artista che -ne siamo certi- è destinata ad un successo notevole.

Proponiamo alcune immagini dell'artista durante l'esecuzione e in compagnia della prof.ssa Littoria Russo Sebastiano (seconda da sinistra) e del Presidente del Consiglio di Amministrazione, Ing. Franco Nobili (terzo da destra).

 

 

Amore e Psiche - una rivisitazione originale

      La curiosità dei soci del Circolo Daunia e dei loro ospiti era stata già sollecitata dal contenuto dello spettacolo programmato per il 22 Febbraio u.s.: la storia di Amore e Psiche, un amore travagliato e ostacolato dalla diversità dei due amanti: Amore era un dio, e Psiche una mortale, anche se bella come una dea, se non di più.

      Il pubblico numeroso ha visto soddisfatta la sua curiosità riguardo alla storia d'amore; ma soprattutto ha potuto fruire della godibilissima performance di Daria Paoletta, che ha interpretato -e reinterpretato- la storia d'amore in termini di totale originalità, con notevole personalità da palcoscenico.

      Il teatro di narrazione non è semplice: né per gli spettatori, che sono chiamati a parteciparvi attivamente con la immaginazione e la fantasia, se non addirittura con il sentimento; né per gli attori, che quella immaginazione e quella fantasia devono sollecitare, rimanendo fedeli al testo, alla lunga preparazione, senza cadere in atteggiamenti istrionici e sopra le righe.

      Ebbene Daria Paoletta, pur nella necessaria semplicità della scena, ha saputo proporsi, da vera professionista, in un testo pieno di riferimenti classici, di fedeli accenni all'opera di Apuleio ed anche -udite, udite- di accenti dialettali e localistici, che nulla hanno a che vedere con quello che è il teatro tanto in voga in questi momenti di riscoperta del dialetto. Nel testo di Daria Paoletta, quando vi è l'accento dialettale, non c'è parodia, ma ironia; non la frase ad effetto, ma la proposizione di un aspetto, di un difetto, di un atteggiamento, in una forma che, proprio in contrasto con il testo e il contenuto classico, creano quasi il "sentimento del contrario" (mutatis mutandis) di pirandelliana memoria.

      Dunque un meritato successo per l'artista e per l'iniziativa. In un giorno in cui presso il Teatro del Fuoco, nell'ambito della rassegna di "Musica Civica" sono stati lodevolmente presentati veri talenti foggiani nel campo della musica, è stato piacevole concludere la serata con un altro vero talento di Foggia, che ha l'unico difetto -forse di botteghino, ma non per noi- di voler fare anche cultura, e non solo spettacolo.

         A conferma della duttilità dell'espressione di Daria Paoletta abbiamo inteso inserire una serie nutrita di immagini.    

 

Cabaret al Circolo Daunia

      Come era nelle aspettative, la serata di cabaret del 25 Gennaio u.s. ha riscosso un notevole successo di pubblico (il salone delle feste e i locali adiacenti erano pieni di soci ed ospiti) e di "critica" (tenendo conto della competenza dei convenuti), confermando ai componenti del Consiglio di Amministrazione la positività della scelta operata.

      Il merito va principalmente all'imitatore Carlo Frisi, che ha intrattenuto gli spettatori con garbo e professionalità; a partire dall'imitazione iniziale (un formidabile Papa Francesco), attraverso tutto il repertorio presentato, l'artista ha tenuta desta l'attenzione del pubblico che non ha fatto mancare la sua approvazione..

      Il repertorio ha spaziato dal mondo della politica a quello dello spettacolo (forse qualcuno dei lettori si sarà chiesto a questo punto: ma c'è differenza tra questi due mondi?); tra i personaggi imitati elenchiamo Al Bano, Vendola, Laurenti, Berlusconi, Grillo, Vasco Rossi, Massimo Ranieri, Aldo Biscardi, Emilio Fede, Casini, Marzullo, per finire con il compianto Corrado.

      Quest'ultima performance ha dato lo spunto a Carlo Frisi per chiamare sul palco alcuni spettatori, che sono stati sottoposti alla tortura -modello la "Corrida""- di interpretare la famosa canzone "Una lacrima sul viso"; tra i vani tentativi di seguire la melodia, le stonature di rito e alcune apprezzabili intonazioni, accompagnati dagli applausi -e dai fischi- invocati dall'artista, la serata ha avuto la sua piacevole conclusione.

  

Il Circolo Daunia incontra Deliceto

Sabato 23 Novembre il Salone delle Feste del Circolo Daunia era affollato di soci e ospiti, tutti curiosi di prendere parte all'evento, il cui tema era stato annunciato nel programma delle manifestazioni. Ha aperto la serata la proiezione dell'interessante lungometraggio "Il geniale Franceschino, ricciolo nero", sceneggiato da Michele Campanaro e diretto da Benvenuto Baldassarre; l'opera ha riproposto alcuni momenti della vita di Francesco De Matteo, illustre figlio di Deliceto, musicista, poeta e compositore, prematuramente scomparso nel 1899 all'età di 22 anni.

                                                          

Al termine della proiezione sono intervenuti lo sceneggiatore e il regista del lungometraggio.

Michele Campanaro, giornalista ed editore, è tornato sulla esperienza di vita del musicista, mettendo in rilievo la sua fierezza di essere delicetano e l'amore che i delicetani hanno contraccambiato e ancora contraccambiano.nei suoi confronti. Elemento portante dell'intervento del Campanaro è stato l'amore per i "luoghi natii", e l'invito ai presenti in sala a sentire lo stesso trasporto per i luoghi di origine, ai quali un simbolico cordone ombelicale deve unirci, per non perdere le radici culturali e per trasferirne i semi positivi in qualunque luogo si conduca la vita.

Benvenuto Baldassarro, Presidente della ProLoco di Deliceto, ha mostrato alcune foto dei luoghi più interessanti di Deliceto, ha elencato le attività volte ad incrementarne la conoscenza e ha invitato i presenti a visitare il paese, indicando come date particolarmente opportune il 26 Dicembre 2013 e il 6 Gennaio 2014, giorni nei quali si terrà il tradizionale Presepe Vivente.

Dopo brevi indirizzi di saluto del Sindaco e del Vicesindaco di Deliceto, Antonio Montanino e Mariano Laudisi, ai soci e agli ospiti è stato offerto un saggio dell'eleganza e della profondità della musica di De Matteo, attraverso l'intervento del baritono Davide Longo, che ha interpretato, accompagnato al pianoforte dalla soprano Maria Gabriella Cianci, l'opera "Il Rimpianto", musicata su testo di A.Genie.

Al termine della serata, prelibato finale culinario -assai gradito dai convenuti- con bruschette, fagioli, salsiccia, pizza, taralli, biscotti e pastette, tutto quanto di esclusiva produzione delicetana.